biblioteche, roma, libri, cd, dvd, prestito, consultazione, autori, editori, scuole, lettura, multicutura, multietnica, internet, wifi, biblioteche roma, biblioteche comune di roma

Il conte di Kevenhüller

Caproni, Giorgio

Garzanti - 1986

Operetta a brani “finita ed infinita”, come l’Autore stesso la definì, in cui sono presenti i temi profondi dell’animo e della mente umana nei continui incontri-scontri con la realtà e la psicologia. Il poeta prende spunto nella sua narrazione, da una vicenda accaduta realmente a Milano nel 1792 quando il conte di Kevenhüller, per liberare la provincia milanese dall’infestazione di una bestia feroce, invita la cittadinanza a partecipare a una caccia all’animale offrendo un compenso a chi la ucciderà. L’opera, apparentemente ideata come un’operetta musicale, è costituita da tre parti: la prima intitolata “Il Libretto”, la seconda denominata “La Musica”, nella quale Caproni indica gli strumenti che l’orchestra deve utilizzare, e infine la terza parte “Altre cadenze”, il cui argomento principale è quello allegorico della caccia forsennata alla Bestia feroce. Questa raccolta fu l’ultima composta da Caproni.
  • Lo trovi in
  • Scheda
  • Links
  • Commenti